Articoli

Disfunzione erettile nel russatore

Ci sono due cose molto importanti che facciamo al letto: dormire e sesso. È assolutamente provato che se fai la prima cosa male anche la seconda ne è influenzata. I ricercatori lo danno ormai per certo che casi di apnea notturna severa portano a disfunzioni sessuali come riduzione della libido e disfunzione erettile.

La domanda alla quale si è data risposta nella recente indagine è se anche un russatore lieve possa subire influss negativi nella sfera sessuale ( Ricerca condotta dalla famosa clinica Mayo Clinic in Rochester, Minnesota e pubblicata nella rivista Journal of Sexual Medicine (Vol. 5, No. 4, 2008, p. 898).

A tale scopo sono stati valutati 827 uomini con partner stabili. Le domande somministrate al campione in studio vertevano su appetito sessuale (libido), disfunzione erettile, soddisfazione sessuale, frequenza, russamento e apnea notturna.

I soggetti sono stati divisi in 3 gruppi a seconda della severità del russamento:

  • Russamento marcato: 95 pazienti
  • Russamento moderato: 573 pazienti
  • Russamento lieve 0 assente: 159 pazienti

L’ età media dei soggetti studiati è di 64 anni con un range che va da 51 a 90.

La comparazione dei valori di soddisfazione sessuale e di russamento ha evidenziato che gli uomini con russamento marcato dichiarano un grado di soddisfazione minore di coloro che non russano o russano lievemente. Chi soffre di un marcato russamento ha una probabilità 2.3 volte maggiore di vivere una vita sessuale poco soddisfacente.

I motivi per cui la cattiva qualità del riposo notturno influenzano negativamente la vita sessuale sono ancora da determinare con precisione. Probabilmente il russatore risulta essere troppo stanco per avere il desiderio e la capacità di attuare un rapporto sessuale soddisfacente. Anche i partner dei russatori – non riposando adeguatamente – sono meno predisposti all’ intimità e si può verificare un certo grado di aggressività nel rapporto di coppia.

Il 25 % degli intervistati ha dichiarato una frequenza nei rapporti sessuali al di sotto della media e/o un minore interesse per il sesso. Oltre il 30% dei pazienti studiati ha dichiarato che nella propria coppia vengono messi in atto accorgimenti casalinghi per prevenire lo stress sul partner relativamente al cattivo riposo. Ricorrentemente si tratta di dormire in stanze separate, a scapito dell’ intimità di coppia.

Disfunzione erettile

La erezione si ottiene attraverso un complesso meccanismo basato su fattori psicologici, neuronali, ormonali e vascolari. Un problema in uno di questi fattori può mettere a rischio il funzionamento dello stesso e sfociare in disfunzione erettile.

La difficoltà respiratoria notturna è causa d’ ipertensione. Le apnee notturne riducono l’ossigenazione cerebrale e inducono il paziente a frequenti risvegli riducendo i livelli ormonali e affettando i vasi sanguinei. Questi meccanismi possono determinare problemi di erezione. La correzione dei disordini del sonno possono migliorare la vita sessuale del paziente e del partner. Il russare va fermato prima che danneggi la coppia.

Non lasciare che il russamento danneggi la coppia

Molto spesso il russamento – specie se marcato e frequente – è causa di un certo deterioramento nella coppia. Non interessa quanto ci si ami. È certo che un cattivo riposo ed un sonno di scarsa qualità  possono provocare stress nel partner e mettere a rischio la sua salute. Dormire male è talmente pesante che la privazione del sonno viene addirittura impiegata dai militari come mezzo di tortura con devastanti effetti psicologici.

Il rumore forte del russamento può portare la coppia a dormire in stanze separate. Ciò può fare sentire il paziente russatore isolato, frustrato e solo. Dormire da soli viene spesso vissuto come una perdita d’ intimità e – comunque – una riduzione d’intensità del rapporto.

Lo stress provocato sul partner non russatore può raggiungere livelli di irritabilità tale da essere fonte di continui litigi anche formalmente dovuti ad argomenti diversi. Se una coppia litiga per niente è necessario indagare sulla presenza di motivi nascosti. Il russamento frequentemente è uno di questi.

Ricordiamo che ciò che va aggredito è il russamento e non il russatore. Russare è una condizione clinica che deve essere curato e chi ne è soggetto non ha colpa.

L’ intervento laser per correggere il russamento è rappresenta una soluzione ottimale per contrastare non solo le apnee notturne e la roncopatia, ma anche per dare pace al sonno del proprio partner. La chirurgia laser viene eseguita in anestesia locale vaporizzata e dura pochi minuti. Il paziente può tornare a casa dopo qualche ora perché non è necessario il ricovero e non ci sono punti di sutura.

Russamento: Frustrato per il CPAP del russare

“Salve, ho 36anni e soffro di apnee notturne. Ho fatto varie viste specialistiche, in pneumologica il dottore  riferisce  obiettività clinica negativa. Questa sera ho trovato altre alternative che siete voi, vorrei un consiglio dato che tutti i medici dicono metti il respiratore meccanico  perché non ci sono alternative e vero.”

Il CPAP ovvero “il respiratore meccanico” permette di non avere più episodi di apnea notturna. Il problema è che non risolve la diminuzione della qualità della vita. Usare i CPAP significa essere “legato” durante il sonno ed obbligato a mantenere una specifica posizione. Tutti si muovono durante la notte e quindi il CPAP produce continui risvegli. La soluzione chirurgica laser restituisce invece la piena autonomia durante la notte con risultati eccellenti per quanto riguarda l’apnea notturna, il russamento e la ritrovata vitalità alla mattina.

Argomenti di consulenza online